Autostima e Dipendenza Affettiva

Io mi ricorderò di te.

IMAG0249-1

Ti è mai capitato di sentir suonare un campanello?
Un piccolo, o grande, campanello di cambiamento.

Come quei profumi che ricorderai per sempre per un motivo, quelle immagini che rimangono impresse nella tua memoria e riaffiorano ogni volta che le cerchi, stupendoti con rumori realistici e colori vividi come non mai.

Possono essere persone o avvenimenti, film, musiche, libri o anche solo emozioni assaggiate per la prima volta; quale che sia il campanello che ha dato l’innesco,se hai capito cosa intendo, allora sai che la risonanza iniziata in quel momento,vibra tuttora in tutto il tuo corpo.

Io ho collezionato molti campanelli in un certo periodo della mia vita, chiamale coincidenze oppure sincornismi, ma quei tintinnii risuonano oggi e ogni giorno nelle mie ossa, nel sangue e nell’anima.
Ti ho già raccontato un mucchio di cose di me, e non ti annoierò ulteriormente.

Oggi il mio pensiero va ad un campanello amaro, ma per me essenziale.

Conosci la storia di Sophie Lancaster?

Io l’ho scoperta nel 2009, mi pare,  tramite un video di Federica (nell’epoca in cui era ancora aperto il suo vecchio canale Bluebeam310 in cui ne parlò) e sentii suonare quel campanello di cui ti sto scrivendo.
Ti lascio il link alla fonte più generica di Wikipedia (inglese) da cui poi puoi trovare un sacco di altri link con approfondimenti, sentenze e via dicendo.
In brevissimo, Sophie è morta a colpi di calci, uccisa da un gruppo di coetanei (chi più, chi meno) adolescenti, perchè goth.
Perchè goth.
Perchè vestiva diversamente.
Perchè ascoltava musica differente.
Perchè.
Perchè?

Eravamo vicini a Natale quando conobbi questa storia, e la cosa mi lasciò un mal di stomaco e grosse lacrime appena dietro la fronte che ricordo ancora.

Da giovanissima ero solita ipercriticare, a tratti disprezzare, con estrema facilità tutto e tutti, in primis me.
In quel periodo stavo rendendomi conto di ciò e cercavo input per cambiare questo lato di me che mi stava soffocando.
Sophie mi spezzò il Cuore con la sua storia, e ancora più lo fece sua madre Sylvia che, in risposta ad un atto d’odio così fortemente espresso, aprì la Sophie Lancaster Foundation, dedita all’integrazione fra ragazzi nelle scuole.

Ho il braccialetto di Sophie, quello che in molti hanno definito e definiscono mero merchandising, per me è un simbolo.
Un monito quotidiano, il ricordo delle lacrime soffocate guardando quel video e del senso di colpa per ogni iper-critica avessi rivolto a chi fosse diverso da me; il sapore della solitudine in bocca quando tutto questo dolore che provavo era invisibile agli occhi di chi mi era intorno e, soprattutto, lasciava indifferente le persone a cui ne parlavo.
Io raccontavo di come questa storia mi avesse scioccata e scossa, e la maggior parte dele persone che ascoltavano non davano il peso, che io ritenevo fosse giusto dare, a questa cosa.

Questo soltanto perchè Sophie è stato uno dei miei campanelli più grandi, una risonanza che vibra in me ogni volta che vedo un’adolescente non omologato, e ogni volta che mi stupisco di come la gente abbia davvero tanta voglia di farsi la guerra per motivi superficiali e futili.
Ogni volta che qualcuno disprezza o maltratta qualcuno diverso da sè o dalla massa, e di contro ogni volta che qualcuno all’estremo opposto attacca chi invece fa parte del popolo delle mode; gli estremisti non mi piacciono, indipendentemente dal lato in cui siedono.

I campanelli sono differenti per ognuno di noi, e spesso agli occhi di chi ti sta intorno non sono poi così importanti come sembrano esserlo per te.
Ma tu tienteli stretti al Cuore e conservali gelosamente, perchè sono preziosi e ti aiutano ad andare avanti nelle tue idee, nelle tue battaglie e nella ricerca dei tuoi Sogni.

Sophie mi ha aperto gli occhi, o meglio mi ha aiutato a farlo ancora di più, e da allora, ogni volta che mi ricordo, parlo di lei, giro il suo video, la sua storia.
E oggi mi rendo conto che il mio bracciale non è solo un bracciale, ma una preghiera, che faccio a me stessa e al Cielo ogni volta che mi sembra di non avere la forza di accettare le differenze che la vita mi pone davanti.

Quali sono stati, o sono, i tuoi campanelli?

S.tamp
O.ut
P.rejudice
H.atred and
I.ntollerance
E.verywhere

Oggi, 24 Agosto, io mi ricordo di te.
…ma io mi ricorderò sempre di te.

B

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...