Dal mondo dell'autrice

Cuori di fine Autunno

cuori-dinverno

Siamo a Novembre, e si respira appieno l’aria di fine Autunno.
Questo è il periodo in cui sembra che tutto il mondo voglia andare in letargo, capita anche a te di avere questa sensazione?

Che fine fa il Cuore in questa stagione?
Credo che ognuno di noi abbia il proprio modo di affrontare l’Inverno.
Io lascio che il mio Cuore si cali pian piano sotto la Terra, così che in Iverno possa rigenerare le proprie radici.
Mi prendo cura di me più di quanto faccio in altre stagioni, e metto un freno a molti progetti, concedendomi il tempo di strutturarli e pianificarli nella mia testa (o su carta), senza fretta e con la certezza che nei prossimi mesi si completeranno e saranno pronti a partire.

Approfitto delle foglie che cadono per sfoltire anche la mia vita, lasciando cadere le cose che non mi consentono più di avere o dare nutrimento, facendo spazio sui rami per le prossime gemme ma senza aver fretta di vederle spuntare.
Lascio che il tempo scorra e mi fermo più spesso a guardare le cose, semplicemente stando ferma a osservarle.

Apparentemente può sembrare si perda un sacco di tempo ma in realtà sto solo assecondando il ritmo che ho dentro, facendo spazio per il nuovo che verrà.

La Creatività in questo momento dell’anno è un po’ stanca e ogni tanto sembra faccia fatica ad affiorare, quindi non la forzo.
Faccio tesoro di tutte le idee che avevo tenuto da parte e non mi arrabbio se capita che il poco tempo libero a disposizione finisca per venire assorbito in gran parte dal divano.

L’Autunno è il periodo dell’anno in cui coltivo la Pazienza, specie nei confronti di me stessa.
E’ un periodo freddolino che mi insegna tantissimo, se gli concedo lo spazio di manovra interiore per poterlo fare.
Faccio fatica a farlo, perché in realtà è un periodo pieno di cose da fare (specie al lavoro, ma quello ufficiale, meno piacevole del musifavolismo) e quindi i ritmi sono sostenuti, frenetici.

Conciliare un Cuore Lento con le richieste veloci non è semplice, ma sto imparando alcuni trucchetti, tra i quali dividere le cose da fare in sessioni di 30 o 60 minuti durante i quali faccio ciò che posso e riesco, finiti i quali passo alla cosa successiva oppure al riposo.
Ti sembra banale?
Può darsi faccia questa impressione, ma dividersi fra lavoro, casa, spesa, cucina, disegno, commissioni, musica, scrittura, audioletture e famiglia con il poco tempo libero che danno i ritmi ballerini dei turni nel settore della gdo non è semplice (e a me manca il gene della casalinga).

Quindi, in questo periodo soprattutto, non trascuro assolutamente il riposo e il ricarico delle pile quotidiano.
Il training autogeno e gli esercizi di respirazione stanno aiutandomi molto, potendolo fare lo suggerirei a tutti i miei amici e conoscenti perché, da qualche mese a questa parte, mi stanno cambiando la vita.

Quindi, se mi senti o mi vedi più lenta con gli aggiornamenti, sappi che non sono affatto pigra: ho la sindrome del Cuore di Fine Autunno.

E tu, come affronti questo periodo?

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...