Opoponax Tales

Il verde che stona con tutto

A Vanillantea cresce la Verdinvidia, una pianta velenosa infestante e piena di spine.
Appartiene alla famiglia dei Fiori Neri che germogliano dalle lacrime delle Paure (si veda la voce “Paura” dell’Atlante di Vanillantea) , motivo per cui è facile trovarla anche nei luoghi più comuni.

Se si viene punti da una spina, la Verdinvidia mette radici nel Cuore del malcapitato e comincia a crescere dentro di esso, rilasciando sempre più veleno.
Se si viene infettati sarà molto difficile provare della vera Felicità e si diverrà soggetti a Malumore e Pessimismo: due pericolosissime malattie che, se non curate, portano a Cattiveria e Malalingua.
Ho conosciuto persone che non sono riuscite a liberarsi da questa pianta velenosa e le ho viste cambiare negli anni, ingrigirsi finché qualcosa non è marcito in loro, tramutandole in portatori di Cattiveria.

Il veleno della Verdinvidia entra in circolo con il sangue e si deposita nel Cuore, dove si espande attraverso piccole radici spinose, sottili come fili di paglia ma scure come la notte più buia.
Le radici sono difficili da localizzare al primo sguardo ma diventano ben visibili se si guarda in profondità e se si spostano i Veli Apparenti con i quali si mimetizzano.

Sfortunatamente non esiste antidoto esterno che funzioni, quindi ci sono pochi modi per estirparle:
– si può sostituire il pezzo di Cuore infetto, a patto che il pezzo di ricambio sia compatibile e cucito nella mezzanotte della settima luna piena dell’anno da una fata che usi aghi e fili incantati;
– si può tentare di lavare il Cuore con Lacrime Sincere che arrivino dalla fonte del Perdono raccolte nelle mattine della Primavera Incantata che cade ogni millantanni (si veda la voce relativa nella sezione “Miti & Leggende” dell’Atlante di Vanillantea);
– si può più semplicemente tentare di guardare il proprio Cuore in controluce ed imparare ad accettarlo per come è: pare, infatti, che la Verdinvidia si sviluppi più facilmente nei cuori di coloro che non amano guardarvi dentro e, una volta esposta alla luce cominci a ritirarsi; ripetendo questa operazione più volte sarà possibile vedere una regressione della crescita, fino alla scomparsa della pianta.
Pare inoltre che non ami la Felicità Vera*, perciò perseguire nella ricerca della propria potrebbe essere un ulteriore modo per assopire l’infestazione.

Qualunque soluzione si scelga, sarà bene controllare periodicamente che non vi siano nuovi germogli per precauzione.

(Potrebbero esistere metodi di estirpazione a me ancora sconosciuti, motivo per il quale io e Atlas proseguiremo nel nostro viaggio e nella stesura dei nostri appunti)

* Si fa presente che la Felicità Vera si considera tale quando non nasce dal paragone con quella altrui né si basi sull’infelicità del prossimo (si veda la voce “Trasmutazione di Mascheramento Conscio ed Inconscio” nella sezione Incantamenti dell’Atlante di Vanillantea)

-Dal diario dell’esploratore Yashal-
(Opoponax Tales, copyright © Valentina Ferraro)

 

Sei felice di quello che fai e di quello che sei?
In caso contrario, cosa ti renderebbe felice?
Sei felice di quello che fanno e sono le persone intorno a te?
In caso contrario, cosa di ciò che fanno e sono le persone intorno a te impedisce la tua felicità, ed in che modo?

Guarda il tuo Cuore in controluce, non lasciare spazio alle radici della Verdinvidia…

8-1-17.jpeg

 

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...